+39 06 37514488
segreteria@aidel22.it

Via Mortara, 2
00182 Roma

Quando in Consiglio Direttivo è nata l’idea di programmare in estate un’occasione di incontro, di condivisione e confronto tra famiglie con bambini e ragazzi del22, si è ritenuto che la finalità del progetto dovesse essere di creare una situazione semi strutturata che desse a tutti i soci Aidel22, genitori e figli di qualunque età, una base sicura da poter utilizzare nella vita di tutti i giorni.

In effetti, l’esperienza del progetto “Party con noici ha dimostrato che il lavoro svolto “sul campo”, grazie all’impegno organizzativo dei capo-progetto e al prezioso apporto dei consulenti, ha prodotto riflessioni e risultati pratici, che restano al di là del tempo della vacanza.

Come prima esperienza del genere, da parte dell’associazione sono stati commessi sicuramente degli errori o piuttosto delle omissioni organizzative, ma un‘evidenza è emersa indiscutibilmente: tutti i partecipanti hanno potuto godere di una situazione di relax, spensieratezza, di impegno ludico e socializzante, con il conforto dello stare insieme tra persone “che ti capiscono” e con il supporto professionale dei consulenti. Questo ha consentito sia ai genitori che ai bambini e ai ragazzi, di affrontare e di rielaborare sul piano personale il significato del vivere la condizione di persona affetta dalla Del22.

Nell’introduzione al progetto la nostra psicologa Caterina Asciano ha scritto che “per i bambini, i ragazzi e i giovani adulti, è importante lavorare sull’accettazione di sé e della propria condizione e quindi anche sulla capacità di entrare in relazione con gli altri soprattutto con i pari. La scarsa accettazione dei propri limiti e la voglia di farsi accettare e riconoscere, come persona senza alcuna problematica, li portano spesso a porsi degli obiettivi molto al di sopra delle proprie capacità e questo li espone molto spesso a frustrazioni e stati di angoscia faticosi da gestire. La vacanza insieme ad altri coetanei e la condivisione di spazi mette i ragazzi in situazioni non ansiogene e con del tempo a disposizione, così da porsi degli obiettivi raggiungibili e condivisibili, che siano in grado di dare ai giovani una quota di autostima che da soli, ed in un contesto sociale non costruito, farebbero fatica a perseguire.”

Nel tentativo di rispondere al meglio alle esigenze dei Soci residenti nelle diverse regioni italiane, il progetto è stato realizzato in tre distinte località. Le tre sedi di Lesina (al mare), Spiazzi di Gromo e Lizzola (in montagna), hanno avuto evidentemente uno sviluppo diverso sia per la tipologia dei partecipanti, differenti per età e per composizione familiare, sia per le attività programmate che hanno caratterizzato in modo diverso i tre soggiorni.

I tre capo-progetto, rispettivamente Loretta Piracci (Lesina), Angelo Paolo Vavassori (Spiazzi di Gromo) e Fausto Merlo (Lizzola), si sono prodigati per la realizzazione della vacanza. A Lesina e a Lizzola, per i più grandi, il Socio Francesco Grande ha consentito una prima presentazione del progetto “Radio AIdel22”, che, come prevedibile, ha riscosso grande successo tra i ragazzi.

Veramente preziosa la presenza e il supporto degli psicologi, Emanuele Cerone e Jessica Giarrizzo a Lesina, Vito Lamontanara e Valeria Carriero a Lizzola, come preziosa è stata a Spiazzi di Gromo la consulenza individuale a ciascuna famiglia della psicopedagogista Cesarina Micheli.

Al termine delle tre settimane di soggiorno, possiamo affermare che l’idea progettuale è giusta, perché risponde bene alle finalità individuate, ma che dovranno esserci alcune modifiche organizzative nella prossima esperienza di “Vacanza del22”, che sicuramente intendiamo riproporre per il 2019!

Marina di Lesina

Spiazzi di Gromo

Lizzola