+39 06 37514488
segreteria@aidel22.it

Via Mortara, 2
00182 Roma

Sappiamo bene come sia diverso incontrarsi “on air” piuttosto che di persona, riabbracciarsi ogni volta con tanto entusiasmo…. E quest’anno per ben due volte il nostro incontro per l’assemblea ha dovuto uniformarsi alle nuove e inaspettate esigenze dettate dal COVID19. In effetti è stato tutto molto diverso dal solito, ma sinceramente non meno interessante e coinvolgente.

La cosa più evidente, dal mio punto di vista, è stata senz’altro la coralità degli interventi, la partecipazione di diverse realtà territoriali con progetti, idee nuove, tutte molto valide.

Chiaramente la presentazione di importanti progetti nazionali, come il progetto “Radio AIdel22” o “Verso il lavoro” hanno stupito e trovato nei Soci l’entusiasmo che meritano. Ma anche il fiorire di tante iniziative nate all’interno delle sedi regionali, molte delle quali per la prima volta si sono impegnate sul piano progettuale, hanno determinato una veste completamente diversa al nostro incontro.

La mia personale esperienza in questi anni di presidenza, ha visto sempre una programmazione con prevalenza di progetti ideati a livello nazionale che si aprivano, a volte anche faticosamente, al coinvolgimento dei diversi territori. Ora si è notato un fervore nuovo che ha premiato il desiderio di sviluppo di idee legate a realtà locali e di crescita strutturale che è stato sempre uno dei principali obiettivi di AIdel22.

Insomma, questo 2021, a parte le ansie legate alla pandemia, si presenta come un anno pieno di lavoro e di partecipazione attiva di tutti gli associati, anche se con modalità e strumenti nuovi. Se da un lato abbiamo dovuto necessariamente rinunciare al piacere dell’incontro, è evidente che il maggior tempo disponibile a casa e le opportunità date dal web, ci stanno consentendo di moltiplicare le opportunità di lavorare insieme, partecipare a progetti innovativi, confrontarsi periodicamente con esperti, unificare le iniziative nate in regioni diverse.

Ultima osservazione, ma non meno importante è la possibilità di interazione tra regioni diverse. Infatti più di una proposta presentata da una sede regionale è stata condivisa e programmata da altre sedi regionali. Anche i progetti internazionali in seno alla Federazione europea Del22 hanno trovato riscontro e interazione con progetti nati in sede regionale. Certamente si è potuto fare data la necessità di incontrarsi non di persona ma via internet, in ogni caso il valore della condivisione resta un dato importante per la crescita dell’associazione e dei suoi membri.

Insomma, anche se con il dispiacere di non potersi incontrare di persona, giudico positivamente il lavoro svolto sia dalla sede nazionale sia da quelle regionali in una prospettiva di slancio delle attività a carattere sociale, che oltre alle iniziative scientifiche e di ricerca restano alla base dell’esistenza di AIdel22.

Giulietta Angelelli Cafiero
Presidente AIdel22